Arcipelago Toscano

Secondo la leggenda, le sette isole che compongono l’arcipelago toscano erano gemme nella collana di Venere che cadde nel Tirreno: oggi sono un vero paradiso naturale, curato grazie al Parco Nazionale Arcipelago Toscano, che copre un tratto di mare oltre 600 chilometri quadrati tra Livorno e il promontorio dell’Argentario.

L’isola più grande è l’Elba, un autentico paradiso mineralogico: 150 varietà dei suoi cristalli sono conservate nei musei di scienze naturali di tutto il mondo. Con la sua forma triangolare dominata dal monte Capanne alto mille metri, l’isola è ricca di golfi, calette e sentieri escursionistici tutti in attesa di essere esplorati.

Il Santuario delle farfalle è assolutamente da vedere, situato sul Monte Perone, sulla strada tra Sant’Illario e San Piero in Campo, dove è possibile ammirare 50 specie di farfalle, comprese le varietà più rare.

La seconda isola più grande è il Giglio, famosa per le sue acque limpide ricche di vita marina e molto amata dai sommozzatori, dove tra rigogliosi prati di posidonia e pareti verticali ricoperte di spugne blu e gorgoniidae rosse è possibile scorgere anche cavallucci marini.

Dal tempo dell’Unità d’Italia fino al 1998, Pianosa fu sede di un carcere di massima sicurezza e per questo motivo è rimasta sostanzialmente intatta. Oggi è aperto a visite guidate limitate, con escursioni e snorkeling per scoprire i tesori dell’isola.

Giannutri emerge dal mare come una mezzaluna calcarea: 11 chilometri di costa rocciosa e un fondale ricco di biodiversità, brulicante di delfini e balene rorquali, per non parlare dello splendido sito archeologico della romana Villa Domizi, costruita dalla famiglia Domizi Enobarbi . Il pubblico può accedere all’isola solo nella stagione estiva, quando alcuni negozi e ristoranti sono aperti.

Capraia è la terza isola più grande dell’arcipelago e l’unica con origini vulcaniche, nata nove milioni di anni fa da un vulcano sottomarino. Per quanto riguarda la sua vita vegetale, l’isola è un vero laboratorio naturale, con oltre 650 varietà vegetali tra cui la Capraia centaurea, un tipo di fiordaliso, mentre le acque intorno all’isola sono ricche di vita marina e il fondale marino è famoso per lo snorkeling e le immersioni subacquee : tra prati di posidonia, anemoni di mare e spugne, è possibile osservare grandi cernie o grandi ricciole.

Gorgona è l’isola più piccola dell’Arcipelago e sede di una colonia penale agricola. Per questo motivo, è totalmente gestito dall’amministrazione penitenziaria, che autorizza escursioni con un massimo di 75 visitatori al giorno per 4 giorni alla settimana secondo un accordo con l’autorità del parco. Le visite sono possibili solo in piccoli gruppi accompagnati da una guida certificata in escursioni naturalistiche.

Montecristo è un vero paradiso naturale, dove grazie alle misure di protezione in atto che coprono un miglio intorno all’isola, la vita marina è particolarmente vivace e intatta. Come tale, le balene e altri cetacei possono essere visti nella zona, tra cui la rara balena dal becco. Per proteggere questa oasi, solo mille persone possono visitare Montecristo ogni anno in un’escursione nella natura e in compagnia del Corpo Forestale dello Stato, ma non è possibile nuotare. Dato l’elevato numero di richieste, le lunghe attese non sono rare per vedere l’isola più misteriosa dell’arcipelago.

Author

Sign In Toskana Ferienhäuser

For faster login or register use your social account.

or

Account details will be confirmed via email.

Reset Your Password